LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - (pag. Le/VI - 2 luglio 2019)

SALICE – Questa sera, in occasione della “Notte della pizzica, la presentazione dell’associazione

Volontari in campo contro il melanoma

Volontari in campo contro il melanoma
L’idea di promuovere la nuova organizzazione di volontariato è nata l’anno scorso, dopo la scomparsa della giovane mamma Stefania Corigliano




SALICE – Pronta l’associazione di utilità sociale “PreveniAmo il melanoma”. Il gruppo locale dell’organizzazione di volontariato verrà presentato stasera, presso i giardini pubblici del Convento, durante la “Notte della pizzica” (inizio alle 20,30). Quest’ultima è una manifestazione organizzata nell’ambito del programma della 342esima Fiera “Madonna della Visitazione”. Interverranno Mino Greco, presidente provinciale dell’associazione, e i circa quindici volontari che hanno già aderito all’iniziativa.

Obiettivo dell’associazione è quello di attivare azioni di sensibilizzazione e di informazione a beneficio della comunità. La prevenzione e la diagnosi precoce del melanoma, un tumore maligno della pelle il cui picco di incidenza è tra i 35 ed i 55 anni, rappresentano infatti le armi più efficaci per combattere i fattori di rischio di questa malattia.

L’idea di costituire l’associazione è nata dopo la scomparsa della salicese Stefania Corigliano, giovane madre strappata alla sua famiglia esattamente un anno fa.

Il Consiglio direttivo, che ha durata triennale, è composto da Cosimo Greco (presidente), Maria Cristina Simmini (vicepresidente), Enza Pati (segretario), Giacomo Greco (segretario), Lorella Strafino (tesoriere), Francesco Simmini (tesoriere), e dai consiglieri Diana Cartenì, Sandra D’Agostino, Maria Angela Musco, Luisa Sabatino, Addolorata Simmini.

Nell’atto costitutivo si legge, fra l’altro, che l’associazione “ha per scopo quello di perseguire finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, mediante lo svolgimento di una o più attività di interesse generale, in forma di azione volontaria”.
(ros.fag.)

Articolo integrato rispetto a quello ridotto pubblicato da “La Gazzetta del Mezzogiorno), edizione di Lecce